asgard_locandinacashdelivery

PAGAMENTO ALLA CONSEGNA

Sabato 9 dicembre 2017 ore 21.00

La Compagnia Teatrale “AMICI DEL TEATRO DI PIANIGA”

Di Pianiga (VE)

Presenta ”PAGAMENTO ALLA CONSEGNA”

Commedia in lingua di 2 atti

di Michael Cooney

Regia di Gianni Rossi

Ingresso intero € 8.00

Ingresso ridotto € 6.00

Compagnia teatrale “Amici del Teatro” di Pianiga (Ve)
“PAGAMENTO ALLA CONSEGNA”
di Michael Cooney
Regia di Gianni Rossi
Tipo di teatro: brillante, in lingua, 2 atti, 2 ore
Traduzione di Maria Teresa Petruzzi, per gentile concessione della MTP Concessionari Associati srl – Roma.

Presentazione:

La spassosa vicenda ruota attorno ad una truffa ai danni dell’assistenza sociale: ma per il truffatore non sarà così facile pentirsi delle sue malefatte, complici una serie di divertenti personaggi che non faranno che complicare la già intricata faccenda portando la commedia ad un finale decisamente inaspettato.

Trama

Una frenetica commedia gremita di personaggi umoristici, goffi e stereotipati cimentati in una farsa indecifrabile ma evidentemente cristallina, che ironizza sul sistema sanitario e di previdenza sociale. In seguito alle diverse lettere inviate dalla previdenza sociale al vecchio inquilino del suo appartamento, Rupert Thompson, Eric, disoccupato da due anni, ha un’idea geniale: assumere l’identità di Rupert, ormai emigrato in Canada, per incassarne le indennità. Eric rimane intrappolato dalla burocrazia e non riesce a fermare il flusso di assegni e sussidi neanche in seguito alle esplicite richieste. I personaggi di questa commedia, primi fra tutti Norman, si trovano coinvolti in una serie di avvenimenti ingarbugliati, dando adito a fraintendimenti colossali che invece potrebbero essere districati con semplicità. Ma bugia dopo bugia, la vita di personaggi comuni diventa sempre piùcaotica e complessa dando vita ad avvenimenti paradossali, ironici e purtroppo anche tristi.
Sono i paradossi della nostra società industrializzata dominata dal capitalismo: il denaro viene sprecato per accontentare fantomatici invalidi o disoccupati che diventano simbolo di come i garbugli a livello sistemico siano incontenibili e occultati dalle pratiche burocratiche. I reali bisogni dell’umanità non vengono tenuti in seria considerazione e ovviati, anche se la soluzione potrebbe essere semplice e repentina.